Gromo – Morte Operaio ad Oberwald, Avvisati 17 ore dopo la Morte di Severo

« Mio fratello era morto ma nessuno ci ha avvisato: lo abbiamo saputo il giorno dopo da un collega che non vedendoci alla camera ardente, ci ha telefonato». a lanciare il j’accuse una sorella di Severo Riccardi, l’operaio 58enne di Gromo, padre di due figli, morto lunedì pomeriggio in un cantiere in Svizzera. Il feretro è stato portato in paese alle 14 di mercoledì. La camera ardente è allestita nell’abitazione di via Rivo 19, dove Severo Riccardi viveva con la moglie Roberta. Il funerale sarà celebrato venerdì alle 15 nella chiesa parrocchiale di Gromo.L’incidente è avvenuto lunedì alle 18.30 in un cantiere a Oberwald, paesino del Canton Vallese non lontano dal confine con il Piemonte. Severo Riccardi stava lavorando allo scavo di una condotta idrica che avrebbe portato l’acqua a una centrale idroelettrica di proprietà della Fma di Sion, azienda svizzera specializzata proprio nella gestione di impianti per la produzione di energia, e ha appaltato i lavori alla Strabag. Secondo una prima ricostruzione Riccardi e un collega stavano installando una «cassaforma», la struttura in cui viene effettuato il getto di calcestruzzo. La struttura si è però mossa, schiacciando l’operaio italiano e ferendo a una spalla il suo collega. Riccardi è morto poco prima dell’arrivo dei soccorritori. La famiglia dell’uomo ha saputo dell’infortunio mortale 17 ore dopo. Tutti i colleghi e il management della Strabag parteciperanno venerdì a Gromo per l’ultimo saluto all’amico Severo.

Scrivi la tua recensione:

commenti